Archive for the 'Visita Ferrara' Category

Ciao a tutti,
 chi frequenta il blog della delizia estense avrà ormai dimestichezza con uno dei più famosi musei di Ferrara e, forse, d’Italia: il bellissimo Palazzo dei Diamanti.
In alcuni dei post precedenti ne avevo parlato per la sua incredibile bellezza architettonica. Oggi segnalo una nuova mostra che ha aperto  al pubblico il 20 settembre 2009 (dalle 9.00 alle 19.00 orario continuato) dal titolo  BOLDINI NELLA PARIGI DEGLI IMPRESSIONISTI.
Possiamo pensare la mostra divisa in quattro sezioni che corrispondo alle tappe fondamentali del celebre pittore.
La prima sezione che accoglie il visitatore è un prologo dedicato agli anni fiorentini, un’esperienza fondamentale per la formazione di Boldini che porta in sé premesse importanti per il futuro sviluppo della sua pittura.
Nel 1871, Boldini si sposta a Parigi; qui si dedica da subito alla realizzazione di quadri di genere allora molto richiesti dalla ricca borghesia europea e soprattutto americana. Ai dipinti di questa fase sarà dedicata la seconda significativa sezione della rassegna. Boldini non registrò soltanto la realtà urbana. Si spinse anche nelle campagne, lungo la Senna o sulla Manica, lavorando a vedute e paesaggi con figure che costituiscono la sua personale interpretazione della pittura en plein air.
La terza sezione della mostra sarà dedicata al tema tutto boldiniano delle vedute d’atelier. Riprendendo l’indagine iniziata a Firenze, quando l’atelier era uno dei fondali prediletti dei suoi ritratti, Boldini sviluppa un interesse preciso per questo soggetto attorno alla metà degli anni Ottanta. Da questo momento la sua attenzione si focalizza, sempre più prepotentemente, sugli oggetti della sua casa e del suo studio.
La mostra approfondisce infine, nell’ultima sezine, l’evoluzione dello stile di Boldini nel genere del ritratto, dalle effigi ufficiali, a quelle che raffigurano amici e colleghi. Dopo l’esperienza fiorentina, Boldini torna a praticare il ritratto con rinnovato slancio attorno alla fine degli anni Settanta, decidendo infine di dedicarvisi completamente.
Il breve riassunto della mostra non ne rispecchia la bellezza e la completezza delle opere! L’invito perciò è di passare un week end presso il nostro B&B Delizia Estense e di visitare la mostra.

Dal 18 al 27 settembre si apre la quinta edizione della 10 giorni dedicata alle mongolfiere, che in pochi anni da evento di nicchia è diventato un contenitore di iniziative sportive artistiche e musicali che oggi coinvolge diverse centinaia di migliaia di visitatori. Nel Parco urbano Giorgio Bassani, a ridosso delle mura della città estense di Ferrara, saranno ospiti almeno 40 equipaggi provenienti da tutto il mondo, che a bordo dei propri palloni si sfideranno in gare di distanza e inseguimento.
Altri eventi sono a corona del volo delle mongolfiere: sport, contest musicali, spettacoli, mostre, showcase, concorsi e appuntamenti con ospiti illustri del mondo dello sport, dello spettacolo e della cultura. Ferrara Balloons Festival, fin dal suo inizio, ha visto inoltre anche la collaborazione dell’Aeronautica Militare e del COFA [base aeronautica di Poggiorenatico], grazie ai quali è stato possibile proporre annualmente iniziative aeree di grande effetto e spettacolarità; nella precedente edizione era possibile salire su un aereo delle Frecce Tricolori!
Sarà inoltre possibile salire su un ascensore aerostatico ancorato al terreno e spingersi fino a 25 metri d’altezza per ammirare e fotografare un paesaggio di grande fascino. Non mancheranno le Special Shapes, enormi palloni dalle forme più strane che insieme al Night Glow, suggestivo spettacolo delle mongolfiere illuminate dopo il tramonto, sono due tra le attrazioni più gradite del festival.
Vista l’enorme affluenza di pubblico in tutte le giornate della manifestazione mi sento di suggerire di prenotare al B&B Delizia Estense fin da oggi perché in quei giorni la città si riempie di pubblico (l’anno scorso hanno visitato il parco più di un milione di persone).

 Ciao,
per gli amanti della buona tavola posso consigliarvi alcune sagre che ho avuto modo di “assaggiare” negli anni passati nei dintorni di Ferrara.Sono un appassionato di sagre e mi piace, insieme a mia moglie, nei week end, rilassarmi in qualche città assaggiandone i suoi sapori. Sono stato l’anno scorso a Ferrara dove ho soggiornato presso la delizia Estense. I gentilissimi proprietari mi hanno consigliato alcune sagre rale più apprezzate dai ferraresi DOC. Da Ferrara, con piccoli spostamenti verso la campagna circostante i auto, abbiamo raggiunto un piccolo paese: Vigarano Pieve dove l’evento si chiama “Sagra del Cappelletto Ferrarese”. Dopo la bellissima esperienza abbiamo deciso di tornare anche il mese successivo e raggiungere Casumaro, vicino alla bellissima Cento. In serata abbiamo cenato alla “Sagra della Lumaca”. Questi sono solo un paio di sagre che ho potuto visitare nell’anno passato. Quest’anno ho deciso di scrivere già da giugno per poter suggerire a voi che leggete, una visita alla città e una “gita fuori porta” per assaggiare uno degli innumerevoli piati tipici che si possono gustare nei dintorni della città estense. L’ideale è consultare la Delizia Estense che potrà suggerirvi la miglior sagra a seconda del periodo in cui soggiornerete a Ferrara: anche in un week end potete veramente assaporare la città e i suoi ottimi piatti tipici

04 6th, 2009

Ciao a tutti,
    il 2009 è, per Ferrara, l’anno tematico della bicicletta. L’occasione è riproporre e valorizzare la città di Ferrara come meta di un turismo nuovo, particolare. Ferrara è la città che può essere visitata in bicicletta, alla quale si può giungere direttamente su due ruote sfruttando le greenways (le vie verdi) e le convenzioni intermodali treno-bici; è la città capace di attrarre nicchie turistiche diverse grazie alla diversificazione delle proposte culturali, ambientali, enogastronomiche. L’Anno della bicicletta rappresenta un’opportunità in più per formulare proposte forti e innovative e legare ancora di più la città al suo tessuto produttivo.
Questa importante iniziativa ci spinge perciò a visitare Ferrara, soggiornando alla Delizia Estense, portandoci le nostre biciclette oppure noleggiandole sul posto. Saremo così pronti per una interessante vacanza o weekend su due ruote che ci darà la possibilità di scoprire le meraviglie della città con occhi nuovi. Occorre organizzarsi per le vicine vacanze pasquali. In questi giorni infatti l’associazione “Itinerando” ripropone l’itinerario cicloturistico “Le vie segrete al fiume: dalla città antica alle mura attraverso i passaggi nascosti del Castello”, con visita straordinaria agli imbarcaderi del Castello. In pratica in sella alle nostre bici potremmo visitare tutte le mura della città immersi nella natura e visitare i luoghi nascosti della città medievale. Inutile dire che tutto ilmovimento fisico ci obbligherà a fermarci per una cena in un locale del centro storico, magari dopo aver parcheggiato le nostre biciclette all’ombra del Castello Estense.

Ciao a tutti,
         si avvicina san Valentino e perciò l’occasione di un week end romantico nella città di Ferrara non può sfuggirvi! Dopo aver sistemato le vostre valigie alla Delizia Estense, potrete cominciare subito con una visita alla città, magari passeggiando per i vicoli del centro storico e fermandosi a visitare il Duomo, il Castello e il Palazzo dei Diamanti dopo aver attraversato il parco Massari. Dopo un pomeriggio passato a passeggiare, non potete farvi mancare un buon aperitivo in uno dei locali del centro per poi trovare un ristornate per la cena di San Valentino.
Mi permetto di suggerire alcuni ristoranti: nella splendida cornice di Via vignatagliata, immerso nell’ex Ghetto  ebraico di Ferrara, il “Ristorante Guido”. Sempre in centro storico, per gli amanti del cinema, troverete “Il Sorpasso”. In piazza Verdi “quel fantastico giovedì” può essere una buona scelta. Se poi volete spostarvi in auto, a 10 minuti da Ferrara, in direzione Cona troverete “nelle terre dell’ariosto”, fantastico ristornate con menù della tradizione. Ultimo consiglio, se invece vorrete mangiare un buon bisonte, sempre a due passi dalla stazione, troverete “il Galeotto”.
Se seguirete i consigli della Delizia Estense sicuramente non resterete delusi e farete felici la vostra fidanzata (o il vostro fidanzato!) con un week end romantico e delizioso nella città di Ferrara.

Ciao a tutti,
 ecco alcuni appuntamenti per chi soggiorna a ferrara nei mesi di Febbraio e marzo. A pochi chilometri dalla città estense infatti, si trova Cento: cittadina bellissima e famosa in tutta Italia per il suo carnevale.
La struttura urbana di Cento risale al medioevo ed è caratterizzata dalla presenza di portici che fiancheggiano le strade principali con palazzi storici e chiese di pregio artistico, come il Palazzo del Governatore, la Casa Pannini e la Chiesa del Rosario. Altri monumenti storici sono: l’antica Rocca, sede d’iniziative estive, e il Teatro Comunale “Giuseppe Borgatti”.
Per gli appassionati d’arte, la città offre due musei di rilievo: la Pinacoteca Civica, con numerose opere di Giovanni Francesco Barbieri detto il Guercino, genio del Barocco, che a Cento ha vissuto gran parte della sua vita, e la Galleria d’Arte Moderna “Aroldo Bonzagni”, pittore centese che ha caratterizzato l’arte italiana del ‘900.
L’avvenimento sicuramente più importante di questa città è il “Carnevale di Cento” di cui si hanno notizie già dal 1600 grazie ad alcuni affreschi del famoso pittore centese Gian Francesco Barbieri detto il Guercino.
La festa ha mantenuto i connotati della manifestazione tipicamente locale sino alla fine degli anni ‘80 quando è divenuta un appuntamento di livello internazionale gemellandosi, in questi ultimi anni, con il famosissimo carnevale di Rio.
I famosi carri allegorici in cartapesta, alti fino a 20 metri, vengono realizzati durante l’anno dalle sei associazioni carnevalesche di Cento che sfilano con più di 500 figuranti ciascuna in costumi variopinti tra le vie e i portici seicenteschi della città coinvolgendo il pubblico in un’atmosfera allegra e festosa.
Famosi testimonial, attrazioni internazionali, divertimenti, lancio di regali e gadget, spettacoli e sorprese completano la festa del Carnevale centese che si terrà nelle domeniche di 8, 15, 22 febbraio e 1, 8 marzo (la sfilata dei carri inizia alle 14.00). Ottima occasione per soggiornare nella mediovale ferrara e spostarsi a cento per la festa mascherata più colorata d’Italia.

12 1st, 2008

Ciao a tutti,
dal 23 novembre al 28 dicembre presso il Museo del Risorgimento e della Resistenza, Corso Ercole I d’Este 19 a Ferrara si terrà la Mostra documentaria in ricordo del 90° della prima guerra mondiale intitolata “LA GRANDE GUERRA NEI TESORI NASCOSTI DEL MUSEO DEL RISORGIMENTO E DELLA RESISTENZA”.
Numerosi sono i documenti che ricostruiscono i principali avvenimenti ferraresi nel ventennio e fino alla liberazione: dall’uccisione di Don Minzoni, parroco di Argenta, ai processi del Tribunale Speciale, alla morte della maestra socialista Alda Costa, alla devastazione della Sinagoga, ai 96 ebrei trucidati dai nazisti, ai numerosi eccidi che funestarono la Resistenza ferrarese.
Il museo presenta un’inusuale e suggestiva serie di oggetti, cimeli e documenti facenti parte sia delle raccolte museali sia della dotazione di proprietà dell’associazione “Pico Cavalieri” di Ferrara. I visitatori potranno ammirare, tra l’altro, una rilevante serie di donazioni pervenute all’istituzione museale in questi ultimi anni: carte geografiche dei teatri di guerra, piante topografiche in uso ai soldati, oggetti d’uso quotidiani (e addirittura anche giocattoli) costruiti con frammenti di bombe o di altri residui di guerra. Il percorso espositivo consentirà inoltre di studiare aspetti e fasi belliche attraverso l’ottica, i sentimenti, le emozioni e le paure del singolo soldato. La mostra è a ingresso libero e sarà visitabile da martedì a domenica, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18; anche questo appuntamento con la storia può essere un interessante incontro con la città Estense.

Ciao a tutti,
trovandovi a passare per Ferrara troverete, nel settore sud-orientale della città, fra corso Giovecca e via Scandiana è localizzato il sistema dei Musei Civici di Arte Antica [via Cisterna del Follo, 5], imperniato su Palazzo Schifanoia, splendida delizia estense.
Il Palazzo che ospita il museo civico si affaccia sulla via Scandiana, limitata verso l’estremità orientale dalla quattrocentesca chiesa di Santa Libera oggi sede del Civico Lapidario.
Il terzo museo, funzionante e aperto al pubblico, che fa parte della Direzione dei Musei Civici di Arte Antica, è la Palazzina di Marfisa d’Este, affacciata su corso Giovecca, due isolati a Nord di Palazzo Schifanoia. Anticamente le residenze erano circondate da vasti giardini. In particolare la Palazzina di Marfisa aveva un “giardino segreto”, racchiuso all’interno di padiglioni e logge, oggi solo in parte conservate, una vasta area verde con un giardino “all’italiana” e un boschetto che arriva a ridosso di Palazzo Bonacossi, affacciato su via Cisterna del Follo.
Quando Francesco d’Este comprò il palazzo, successivamente chiamato dei Bonacossi, creò un’unica proprietà e per saldare fra loro le due unità edilizie, fece costruire la nobile loggia del Cenacolo sul retro , come fondale scenico del giardino di Marfisa e raccordo con il nuovo palazzo.
Francesco d’Este in quel periodo era proprietario anche di Palazzo Schifanoia e la comunicazione fra questi avveniva attraverso i giardini con percorsi immersi nel verde.
A questo assetto urbano si è chiaramente ispirato il “Progetto Mura” che Ferrara sta valorizzando per i turisti e che ha cercato di interpretare “modernamente” l’antica configurazione dei giardini, ripristinando, nei limiti consentiti dell’evoluzione successiva della città gli spazi verdi e i percorsi di collegamento ed ha saputo interpretare le nuove vocazioni funzionali degli edifici, dando omogeneità di destinazione d’uso a tutto il comparto. Mentre passeggiate per la città perciò, fermatevi per uno spuntino o per un caffè nello splendido bar situato proprio all’interno del palazzo per respirare l’aria medioevale della città.

ciao a tutti,

dal  16 novembre 2008 - 22 febbraio 2009 Ferrara Arte, in collaborazione con la National Gallery of Scotland di Edimburgo, organizza una mostra che affronta, per la prima volta in maniera esaustiva la produzione del grande artista inglese Joseph Mallord William Turner uno dei più grandi pittori romantici. La sua arte, nata dall’emozione provata davanti allo spettacolo della natura, è la restituzione di «qualche cosa di inafferrabile», la creazione di uno spazio del tutto nuovo e moderno, intriso di luce e di colore, nel quale si dissolve la prospettiva.
Ad accogliere il visitatore sono olii e acquerelli che ritraggono “sublimi” scenari montuosi della Gran Bretagna e fresche vedute di paesaggi italiani. Il percorso prosegue con una serie di quadri e opere su carta in cui Turner trascrive magistralmente le emozioni provate lungo il cammino che nel 1802, attraverso la Francia prima e le Alpi poi, lo portò per la prima volta in Italia. La mostra si chiude con due spettacolari sezioni dedicate ai capolavori realizzati a Venezia e alla svolta radicale degli ultimi anni durante i quali raggiunge esiti di una modernità sorprendente.

La Delizia Estense offre un pacchetto che comprende un pernottamento in mini appartamento per due persone e 2 biglietti di ingresso alla mostra

10 26th, 2008

Ciao a tutti,
         trovandovi a passare per Ferrara, dopo aver superato Piazza Ariostea recatevi presso il Palazzo Massari [C.so Porta Mare, 9], che oggi ospita le Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara.
Il palazzo, attualmente di proprietà comunale, è sede di tre importanti musei: al piano nobile sono allestiti il Museo dell’Ottocento e il Museo Giovanni Boldini, mentre il piano terreno accoglie il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea ‘Filippo de Pisis’.
Nel giardino interno sorgono due piccole e sobrie architetture simmetriche, che costituiscono il completamento dell’antico complesso di Palazzo Massari. L’edificio di destra, dal 1976, è sede del PAC - Padiglione d’Arte Contemporanea, uno spazio espositivo delle Gallerie adibito a mostre dedicate all’arte contemporanea.
Come potrete capire con una solo tappa si può unire la voglia di musei e di arte al verde del palazzo storico: a fianco infatti del palazzo troverete uno dei parchi più grandi di Ferrara: il parco Massari dove si può passeggiare in mezzo alla natura!

Non aspettare quindi, vieni a trascorrere un week-end d’arte e natura a Ferrara