Matisse a Ferrara.


È stata inaugurata a Ferrara a Palazzo dei Diamanti il 22 febbraio la mostra: “Matisse la figura. La forza della linea, l’emozione del colore”. La mostra si protrarrà fino al 15 giugno 2014 ed è ricchissima. Oltre cento opere tra dipinti, sculture e lavori su carta che raccontano l’avventura creativa dell’artista dalle opere giovanili alla maturità. Il filo conduttore della manifestazione è la nuova visione della rappresentazione della figura, in particolar modo quella femminile, da parte di questo gigante della storia dell’arte moderna. La mostra è aperta tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00 con orario continuato. Occasione più unica che rara per poter ammirare questi capolavori.

Noi abbiamo pensato un’ottima soluzione per chi viene da lontano. Un pacchetto ad hoc per questa mostra, che comprende il soggiorno di una notte per due persone, due biglietti d’ingresso e l’utilizzo gratuito di biciclette per la durata del soggiorno a un prezzo accattivante.

Come se non bastasse, in occasione di questa mostra, sono state organizzate, a cura della Fondazione Ferrara Arte, la Galleria d’Arte Moderna e contemporanea di Ferrara, il Conservatorio “G. Frescobaldi” e la Fondazione Teatro Comunale, conferenze e concerti che dureranno fino al 29 marzo 2014.Le conferenze si svolgono in Sala Estense, Piazza Municipale n. 19, alle ore 17,30. L’ultima conferenza si terrà Mercoledì 26 marzo, a cura di Giuseppe di Natale della Fondazione Ferrara Arte, dal titolo “Matisse e l’Italia”. Concerti e incontri si svolgono presso la Pinacoteca Nazionale, Salone d’Onore in Corso Ercole I d’Este n. 21. L’ultimo si terrà Sabato 29 marzo con l’incontro alle ore 15,30 al titolo “Il giovane Stravinskji e la Parigi di Matisse” con internventi di Nicola Badolato, Elena Cervellati, Elia Andrea Corazza, Chiara Vorrasi. Seguirà alle ore 18,30 il Concerto Ensemble del Conservatorio “G. Frescobaldi”. 

Insomma, per gli amante dell’arte e anche per i neofiti, una ricca offerta culturale cui sarebbe un peccato mancare. Noi ci saremo.

 

 

 

 

 

 

Comments are closed.