Ferrara e i libri per tutto settembre 2017

Palazzo di San Crispino si dedica ai libri

Per tutto il mese di settembre, il terzo piano del Palazzo di San Crispino sarà dedicato a eventi culturali strettamente legati ai libri appena usciti nelle librerie più famose. Il pubblico potrà incontrare autori più o meno noti, sentirli parlare delle loro ultime opere, delle loro vite e delle prossime produzioni e li vedrà impegnati in interviste con alcuni tra i personaggi più rappresentativi della letteratura contemporanea.

La kermesse si è aperta giovedì 14 settembre con La guerra dimenticata di Giuseppe Russo in cui viene trattato il tema dei beni culturali martoriati nel corso della Seconda Guerra Mondiale focalizzando la sua attenzione alla Campania. Un libro ben scritto, molto approfondito che dovrebbe servire da monito per le generazioni moderne che troppo spesso “dimenticano” le guerre del secolo scorso.

Oggi 21 settembre invece sarà la volta di Isa Grassano con il suo Forse non tutti sanno che in Italia… libro che racconta aneddoti, storie inedite, curiosità e anche un bel po’ di misteri della nostra Italia.

Domani 22 settembre toccherà a Carlo Grandini con Noi eravamo quei giornalisti. Il “mio” Montanelli in cui l’autore racconta come ha conosciuto il grande e indimenticabile giornalista.

Sabato 23 settembre, invece, Dario Franceschini dialogherà con Daria Bignardi e Diego Marani alla presentazione del suo Disadorna e altre storie racconti in cui l’autore spiega che “forse, è proprio nelle cose più semplici della vita che si nasconde la felicità”.

Venerdì 29 settembre ci aspettano due eventi: “Le aporie del teatro in carcere” in cui verrà presentata un’analisi del lavoro del teatro nella Casa Circondariale di Ferrara e a seguire la presentazione del “Premio Lorenzo Claris Appiani 2017– Programma collaterale di Internazionale “Intanto a Ferrara”.

Si conclude il ciclo di presentazioni e conferenze sabato 30 settembre con Il muggito di Sarajevo: un viaggio nel realismo psichedelico del Balcani di Lorenzo Mazzoni all’interno del Programma collaterale di Internazionale “Intanto a Ferrara”.

Non c’è che dire, anche quest anno hanno fatto le cose in grande; gli amanti della cultura non possono mancare a questi importati eventi su scala nazionale!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •